Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | February 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Frattini e Ruffini insieme a Roma con “Cercasi Cenerentola”

Martina De Angelis

Review Overview

Interpretazione
8
Regia
7.5
Drammaturgia
7.5

Rating

Manuel Frattini torna nel mondo delle favole con una versione tutta nuova di Cenerentola: uno spettacolo divertente e spumeggiante, adatto a grandi e piccini e interpretato da un cast di altissimo livello.

La Compagnia della Rancia arriva a Roma con “Cercasi Cenerentola”, la favola musical per tutta la famiglia a ritmo di rock ‘n roll

Una carrozza, i rintocchi di mezzanotte, Matrigna e Sorellastre, una scarpetta di cristallo e una misteriosa e bellissima ragazza che la perde… Non c’è dubbio: stiamo parlando proprio di Cenerentola, una delle favole più amate e raccontate di sempre, che approda al Teatro Brancaccio di Roma in una veste tutta nuova con il musical “Cercasi Cenerentola”.

Il regista Saverio Marconi, vero e proprio padre del musical italiano, e Stefano D’Orazio, famoso per la sua lunga carriera con i Pooh e per le molte collaborazioni col mondo dei musical,  hanno voluto ambientare la loro rivisitazione negli anni Cinquanta, andando a ripescare le sensazioni e le emozioni della loro infanzia rimaste vivide tra i ricordi di quegli anni che hanno profondamente cambiato il mondo.
Come per la loro prima grande collaborazione, Pinocchio, hanno voluto unire il mondo e il linguaggio dei bambini a quello degli adulti, creando una storia che diverta ed emozioni tutto il pubblico, ed è proprio negli occhi degli spettatori che si legge il successo di questa formula ormai collaudata: non sono solo i bambini a partecipare allo spettacolo, ma sono soprattutto gli adulti a divertirsi, ridere, sventolare i fazzoletti e rispondere alle gag dei due frizzanti protagonisti.

Il vero punto di forza di questo spumeggiante spettacolo sono proprio loro, i protagonisti: nel ruolo del Principe troviamo un esilarante Paolo Ruffini, che stravolge la figura di eroe senza macchia a favore di uno strampalato soggetto in cui può dare sfogo a tutto il suo talento comico, coinvolgendo il pubblico con naturalezza e divertimento, e al suo fianco nel ruolo del fidato consigliere Rodrigo c’è il punto di riferimento indiscusso del musical italiano, Manuel Frattini, che ancora una volta dà prova (se ce ne fosse ancora bisogno) del suo incredibile e sfaccettato talento, che lo vede eccellere nella danza, come nel canto e nella recitazione, e infondere uno spirito speciale in tutte le sue interpretazioni, che spesso e volentieri sono proprio a tema favolistico (tra le sue interpretazioni più famose si ricordano Pinocchio, Peter Pan, Robin Hood e Aladdin).
È un ritorno a casa il suo nella Compagnia della Rancia, a cui è stata affidata la produzione dello spettacolo e che nella stagione festeggia 30 anni di attività teatrale: “Parliamo di una storia che fa bene al cuore e ci stiamo già divertendo da morire. È uno spasso ogni sera dividere il palcoscenico con Paolo Ruffini!” E aggiunge Ruffini: “Per tornare a sentirmi bene con me stesso avevo proprio bisogno di immergermi in una favola come questa, insieme alla grande famiglia della Compagnia della Rancia, in cui ognuno può imparare tanto ed esprimere le proprie potenzialità”.

Per quanto riguarda la protagonista, la bella Cenerentola, l’onore di interpretarla è ricaduto su Beatrice Baldaccini, talentuosa performer toscana di 23 anni che è stata selezionata tra le più di 500 aspiranti che si sono presentate alle audizioni. Saverio Marconi era alla ricerca di una giovane dalla bellezza pulita e solare, attrice e cantate di talento, e Beatrice risponde perfettamente a questi requisiti: con la sua voce limpida e potente e con la  sua capacità di combinare comicità ed eleganza, crea una Cenerentola simpatica e piacevole, padrona della scena sia nelle parti in cui è sola sia negli ensamble. A completare il gruppo un cast di talento che vede Laura Di Mauro nel ruolo della divertente e sgrammaticata Matrigna, Claudia Campolongo come Celementina l’eccentrica Fata e  le bravissime Silvia Di Stefano e Roberta Miolla che danno vita a due sorellastre esilaranti.
La storia, in cui ritroveremo tutti i personaggi e i momenti clou della favola tradizionale, è ricca di inediti e divertentissimi imprevisti grazie alla tipica ironia della penna di D’Orazio e al trascinante ritmo della regia di Saverio Marconi e Marco Iacomelli, con le scene di Gabriele Moreschi, i costumi di Carla Accoramboni e sulle note delle musiche originali di Stefano Cenci che, tra rock e fantasy accompagneranno le frizzanti coreografie di Gillian Bruce (che non manca di esaltare le incredibili doti di Manuel Frattini con un bellissimo assolo del suo cavallo di battaglia, il tip-tap),  in uno spettacolo pieno di colore, allegria, magia e sentimento.

“Cercasi Cenerentola” naviga su due binari paralleli, uno per i bambini e per tutti quelli che desiderano rivivere le emozioni della favola e dell’infanzia, e uno per i grandi che possono confrontarsi con i paradossi della vita e passare un paio di ore a ridere di cuore e a riscoprire il mondo visto con gli occhi dei bambini, apprezzando l’arte e il talento di professionisti di altissimo livello.
Lo spettacolo sarà al Teatro Brancaccio di Roma fino al 23 febbraio, per poi proseguire con la sua tournée in tutta Italia: adatto  per grandi e piccini, “Cercasi Cenerentola” è ideale per passare una serata spensierata,  per uscire da teatro con un sorriso sul volto e la meraviglia negli occhi.

Submit a Comment

UA-40058008-1