Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | November 21, 2017

Scroll to top

Top

One Comment

Al via la prima edizione del “Bracciano LagoFilmFest”

Al via la prima edizione del “Bracciano LagoFilmFest”
Ireneo Alessi

Prima kermesse di cinema e cultura indipendente della cittadina di Bracciano organizzata dall’associazione culturale “L’agone Nuovo” con il sostegno della F.u.i.s. Dal 4 al 7 luglio.

Una manifestazione ideata da giovani e da menti pronte al confronto sul filo della militanza intellettuale vera. Una manifestazione aperta a tutti, come strumento e spazio di totale coinvolgimento, perché l’arte diventi partecipazione fluida e divertente, “grande bellezza” di e per tutti. Culturalmente fertile in ogni “senso”.

Lo hanno sottolineato i presenti intervenuti alla conferenza di presentazione del festival. Oltre a l’associazione culturale no profit “L’agone Nuovo”, nella persona del presidente Giovanni Furgiuele, e agli organizzatori, tra cui Sarah Panatta e Iolanda La Carrubba, hanno preso parola poeti, critici, registi. Tra loro Domenico Donatone (Le Reti di Dedalus), il critico e poeta Plinio Perilli e il giornalista e autore Marco Palladini (direttore de “Le Reti di Dedalus”).

Tutti coloro che hanno aderito con spirito di solidale generosità alla chiamata del festival, hanno voluto e saputo raccontare mondi contemporanei che si scontrano, trovano, interrogano. Dal G8 di Genova al Messico, dai nuovi autori italiani a misteriose notti parigine. La comunicazione umana, artistica e sociale sotto le luci del cinema, della letteratura, dell’arte.

Ha salutato con favore il festival, in una nota, anche l’assessore e vice sindaco Nardelli (comune di Bracciano): «Un festival cinematografico è proprio quello che mancava nella nostra programmazione culturale. Il Bracciano Lagofilmfest va quindi ad aggiungere un prezioso tassello alla nostra offerta di eventi e manifestazioni e lo fa nel migliore dei modi. Il Festival ha molti punti di forza: proiezioni, dibattiti, mostre, performance dal vivo, per promuovere, attraverso giovani autori e registi e con l’apporto di artisti famosi, il cinema e le culture indipendenti. Una quattrogiorni che consentirà anche di “vivere” gli spazi culturali della nostra cittadina, dato che gli eventi in programma si svolgeranno nei locali del complesso conventuale di Santa Maria Novella dove ha sede l’Archivio Storico, il Museo Civico ed il Chiostro cinquecentesco degli Agostiniani».

In programma, oltre a numerose proiezioni, anche reading e performance dal vivo. Grande attesa per l’anteprima de “Il leone di Orvieto”, ultima fatica di Aureliano Amadei, l’autore di 20 Sigarette. Ingresso libero.

Comments

Submit a Comment

UA-40058008-1