Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | August 17, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

La retrospettiva su Cesare Tacchi con “sottofondo” Bobo Rondelli

La retrospettiva su Cesare Tacchi con “sottofondo” Bobo Rondelli
Miriam Larocca

Al Palazzo delle Esposizioni, fino al 6 maggio 2018, sarà possibile visitare la Mostra a cura di Daniela Lancioni e Ilaria Bernardi e promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, “Cesare Tacchi. Una Retrospettiva”

A poco più di tre anni dalla sua scomparsa, la città di Roma rende omaggio all’artista attraverso il racconto delle sue opere (1940-2014) ripercorrendo, al contempo, le tensioni intellettuali di oltre mezzo secolo.

StreamImmagineOriginale (1)Centinaia di opere cronologicamente ordinate prendono spazio nelle sale a mostrare la serie degli smalti su tela, nei quali la “realtà della immagine” è resa attraverso una serie di dettagli di macchine da corsa o auto del servizio pubblico romano o ancora, le tappezzerie, le note superfici estroflesse e imbottite nelle quali l’artista ha trasposto un’umanità fatta soprattutto di conoscenze amicali, di coppie felici, seduta in poltrona, sdraiata sui letti o sui prati, ma anche le immagini prelevate dalla storia dell’arte.

Il noto ed estremo gesto della “Cancellazione d’artista” compiuto da Tacchi durante la rassegna “Teatro delle mostre” a La Tartaruga di Roma, nel maggio del 1968, è testimoniato da un “reperto” che viene riproposto in questa occasione per la prima volta e, proseguendo, è possibile osservare il lavoro fotografico realizzato da Elisabetta Catalano “Painting”, nel quale l’artista propone l’azione inversa alla Cancellazione.

Affascinanti e ironiche, le sculture del 1967, oggetto-quadri li definisce l’artista, i quali, però, impediscono ogni possibilità di uso pratico, come la “Poltrona inutile” o la grande “Cornice senza quadro” de La Galleria Nazionale. Nell’ultima sala, la scultura di bronzo e i grandi dipinti realizzati dagli anni Ottanta sono espressione felice di un nuovo linguaggio e di un artista che, parafrasando i titoli dei suoi quadri, da “Sécrétaire della pittura” e “Uccel di bosco” si trasforma, rinnovandosi, in Spirito dell’arte.

L’event20180323_212646o è collegato alla rassegna “VINILE LIVE”: i più innovativi musicisti della scena contemporanea reinterpretano dal vivo i loro dischi del cuore, così, al centro delle sale espositive, venerdì 23 marzo si è esibito l’artista livornese Bobo Rondelli interpretando Piero Ciampi, con “IO E TE ABBIAMO PERSO LA BUSSOLA, 1973″.

Rondelli, in pantaloni e camicia scura, appena appare in scena, pare serio e rispettoso del posto in cui si trova ma, via via, prende confidenza con il pubblico e, intonando egregiamente “Fino all’ulimo minuto”, “Livorno”, “Non so più niente”, “Adius” e tante altre riesce, come al solito, a creare un’atmosfera allegra e al contempo sacra come in pochi sanno fare.

Nell’edificio neoclassico di via Nazionale ricordiamo “HUMAN+. IL FUTURO DELLA NOSTRA SPECIE”, la mostra che esplora i potenziali percorsi futuri dell’umanità considerando le implicazioni tecnologiche e, per il terzo anno consecutivo “LA MELA DI MAGRITTE”, un libro e una mostra-laboratorio dedicati a un grande nome dell’arte. Infine, per la rassegna “VINILE LIVE”, prossimo appuntamento 30 marzo 2018, 21:00, Ilaria Graziano & Francesco Forni interpretano Lucio Dalla – Com’è profondo il mare, 1977.

Submit a Comment

UA-40058008-1