Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | November 14, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

“Big Hero 6″ presentato a Roma da Flavio Insinna, Virginia Raffaele e Moreno

“Big Hero 6″ presentato a Roma da Flavio Insinna, Virginia Raffaele e Moreno
Andrea Di Cosmo

Incontro con le voci italiane nel nuovo film Disney

Big Hero 6 è il nuovo film della Walt Disney Company, in uscita il 18 dicembre, ambientato nella futuristica città di San Fransokyo dove Tadashi, il fratello maggiore di Hiro, ha creato un robot tondo e morbido di nome Baymax specializzato nel curare le persone. I due fratelli vivono con la loro allegra e svampita zia Cass. In seguito a un evento devastante Hiro potrà contare su Baymax e agli amici: Go Go tomago, Wasabi No-ginger, Honey Lemon e Fred. Questo film porta la Disney a sposare anche l’iniziativa di MediCinema per la realizzazione di una sala cinema digitale presso il Policlinico Agostino Gemelli, fruibile per i pazienti dei vari reparti.

In attesa di vedere il film alcune voci italiane lo hanno presentato a Roma. Si tratta di Flavio Insinna, celebre attore di film e fiction di successo e noto conduttore televisivo, voce di Baymax. Virginia Raffaele, l’attrice comica e imitatrice amata dal pubblico italiano, dà la voce di Zia Cass, sempre allegra, affettuosa e indaffarata. C’è anche Moreno, rapper e vincitore di Amici 2013, che partecipa alla colonna sonora con il brano inedito di cui è autore e interprete: “Supereroi in San Fransokyo”, prodotto da Don Joe (Club Dogo) e scritto ad hoc per il film. Un incontro con gli artisti molto divertiti tra loro, ognuno con un piccolo pupazzo di Baymax, che hanno scherzato ma raccontato alcuni retroscena ed esperienze su questo doppiaggio e risposto ad alcune domande.

Flavio Insinna introduce: «Il contributo di Massimiliano Manfredi, direttore del doppiaggio, è stato fondamentale, lui diceva le battute e io così riuscivo a farle bene. Poi, pensando al mio personaggio, in un Paese con i tagli alla sanità tutti vorrebbero un essere rassicurante e coccoloso che chiede quanto dolore sentiamo da 1 a 10, come il personaggio del film. Per ora è solo un film di Natale ma non dispero».

Virginia Raffaelle commenta: «Anche per me il contributo di Manfredi è stato fondamentale, quando il mio personaggio si muoveva, lui muoveva me per farmi entrare nella scena. far parte di un cartone Disney è comunque un sogno.»

Moreno aggiunge: «Anche per me è un sogno, sono così giovane ed è molto vicino il ricordo ai cartoni animati e alla Disney in particolare. Aver fatto questa canzone fa parte del mio lavoro ma non è stato semplice, ho dovuto recuperare un sacco di informazioni e devo dire che alla fine sono felicissimo del risultato. È un cartone per tutti che fa divertire e commuovere e trovo che questo intervento della Marvel con i supereroi sia azzeccatissimo».

Quali personaggi del passato vi sarebbe piaciuto impersonare?

Virginia Raffaele risponde così: «Io adoro Gli incredibili, però quando ci sono voci che sono venute così bene non è possibile sostituirli. Uno dei miei personaggi preferiti è la stilista Edna Mode doppiata da Amanda Lear».

Flavio Insinna: «Mi sono formato con Il libro della Giungla e Gli Aristogatti anche se, pur essendo di parte, parlando del mio maestro, ritengo che Gigi Proietti doppiando il Genio di Aladdin sia insuperabile, con tutte le voci che ha dato al personaggio. Sarebbe bello doppiare Baloo che contiene la mia filosofia di vita per cui “bastano un po’ di briciole, lo stretto indispensabile”, soprattutto in periodi come questi».

Come si entra nel personaggio di Baymax che è un robot ma trasmette un’ umanità e diventa una sorta di amico guida per il protagonista?

Flavio Insinna: «Abbiamo cercato di non avere una voce robotica ma al tempo stesso Baymax non era un umano. Ho cercato di mettere nell’interpretazione un sorriso morbido, rassicurante e coccoloso. Solo nel finale ci siamo concessi uno scarto umano con il bambino che si abbandona alla sua commozione e abbiamo lasciato che questo cicciolone buono trasmetta un sentimento più autentico, con uno scatto in più».

Lavorare con la voce è una sfida perché non ti puoi aiutare con i gesti, che difficoltà avete trovato?

Virginia Raffaele: «Il lavoro radiofonico ha dei tempi comici da rispettare, col doppiaggio hai dei personaggi che sono come attori in carne ed ossa, emozionanti. A volte avevamo invenzioni interessanti ma non si “incollavano” al viso del personaggio».

Flavio Insinna: «Durante un doppiaggio non poi fare affidamento solo sulle parole, si viaggia sulle sfumature alla ricerca di una grazia, entrando in un altro mondo, più fanciullesco. È anche un privilegio rispetto alla vita vera potersi chiudere in una sala di doppiaggio per alcune ore e se saremo fortunati regaleremo sorrisi a dei bambini».

Quali tra i temi del film come il vivere pur non essendo come gli altri o l’elaborazione del lutto vi ha colpito di più?

Flavio Insinna: «Adoro le amicizie improbabili da Arma Letale ad Attenti a quei due. L’approccio di questo gigante con un bambino distrutto porta i due a un viaggio dove Hiro scopre un compagno speciale e un abbraccio. Questo mi porta a dire che m’ha colpito maggiormente il rapporto e i sentimenti che vengono fuori fra Hiro e Baymax».

Moreno: «Io anche nella canzone ho voluto lanciare dei concetti sui sogni che “possono essere nella realtà, credi nella creatività” La determinazione che Hiro vede in tutto il lavoro che ha fatto il fratello non sembra un lavoro che dà da mangiare. L’unico sostegno viene da Baymax che è una macchina ma si rivela più umano degli altri».

Big Hero 6 arriverà nelle sale italiane il 18 dicembre 2014, anche in 3D, distribuito da The Walt Disney Company Italia.

Submit a Comment

UA-40058008-1