Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | September 17, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Il “fantastico via vai” di Pieraccioni

Il “fantastico via vai” di Pieraccioni
Lorenzo Colapietro

Review Overview

Cast
6.5
Regia
6.5
Script
6.5

Rating

Pieraccioni dirige una commedia nostalgica sulla bellezza dei vent'anni e lo fa con intelligenza e humor. Sceneggiato anche da Paolo Genovese e con un cast all'altezza della situazione il film è divertente e consigliato per una serata in allegria.

Anno: 2013 Durata: 95’ Distribuzione: 01 Distribution Genere: Commedia Nazionalità: Italia Produzione: Levante, Rai Cinema Regia: Leonardo Pieraccioni Uscita: 12 dicembre 2013

Leonardo Pieraccioni torna al cinema con una commedia nostalgica sul tempo che passa

Arnaldo bancario di mezza età è sposato con Anita dalla quale ha avuto due gemelle, il suo hobby consiste nel riparare giocattoli vintage. Insomma la sua è una vita tranquilla senza scossoni o grandi intoppi. Un qui pro quo lo porta ad essere cacciato di casa, Arnaldo vede in questo disastro una via di fuga, un modo per provare ad azzerare gli anni trascorsi, decide così di trasferirsi a casa di 4 studenti: Camilla, Edoardo, Marco e Anna e di provare a rivivere tutte quelle emozioni tipiche di chi ha vent’anni. Tra personaggi assurdi, e malintesi di ogni genere il bancario proverà a rivivere la giovinezza passata tentando di aiutare i ragazzi a risolvere i loro problemi.

Un fantastico via vai è la nuova fatica di Leonardo Pieraccioni, a poco meno di vent’anni dall’uscita de I laureati il regista riscopre un’energia e una voglia di fare che non gli si vedeva addosso da anni. Una commedia intelligente e divertente che, dopo gli ultimi disastri del toscanaccio, arriva come una boccata d’aria fresca proprio a ridosso del Natale. Merito, forse, va anche al nuovo sceneggiatore Paolo Genovese che ha scritto una sceneggiatura interessante e piena di battute divertenti e non volgari. Un film che ricorda il Pieraccioni degli inizi, quello de I laureati appunto, che lo stesso regista ha voluto omaggiare nella scena del conto del ristorante, come ha detto lo stesso Leonardo in conferenza stampa:

“La corsa è il riassunto di tutto il film, laddove a 20 anni correvo adesso a cinquanta la milza inizia a farsi sentire, quindi se prima si riusciva a fare una zingarata adesso con anni di differenza sulla spalle è differente fa anche un po’ tristezza vedere un uomo di quell’età scappare senza pagare il conto come se fosse giovane”

Oltre a Pieraccioni il cast è composto da attori del calibro di Serena Autieri, Giorgio Panariello e i camei di Massimo Ceccherini, Maurizio Battista e Marco Marzocca. Complimenti anche al cast di giovani attori utilizzati per interpretare gli studenti: Marianna Di Martino, Chiara Mastalli, Giuseppe Maggio, David Sef e Alice Bellagamba, un gruppo di ragazzi che si è dimostrato essere all’altezza della situazione dando vita a personaggi reali e ben amalgamati fra di loro, la stessa Serena Autieri si è espressa su di loro:

“I ragazzi li ho trovati straordinari, in particolare le donne, sono bravissime, la Mastalli l’ho conosciuta su un altro set e in questo ruolo l’ho trovata divertentissima”

Altro punto a favore è la bellissima colonna sonora affidata al fedele Gianluca Sibaldi, chicca da ascoltare con attenzione è la canzone che Pieraccioni ha scritto con Beppe Dati “La risata di mia figlia”, una piccola poesia dedicata proprio alla figlia di Leonardo. In conclusione, Un fantastico via vai è un film divertente che, nonostante non sia la svolta che ci si aspettava dal regista, è una pellicola godibile capace di far riflettere sul tempo che passa e sulla giovinezza perduta.

Submit a Comment

UA-40058008-1