Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | February 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Foodies 2014: presentata la nuova guida alla Città del Gusto

Foodies 2014: presentata la nuova guida alla Città del Gusto
Roberto Guidarini

Tanti nuovi percorsi gastronomici per tutti gli appassionati della buona cucina

È stata presentata oggi la quarta edizione della guida Foodies del Gambero Rosso. Una guida dedicata a tutti coloro che amano mangiare e bere bene. Ma chi sono questi Foodies? Lo abbiamo chiesto a Laura Mantovano, vicedirettrice del Gambero Rosso e curatrice delle guide:

“Foodies non è un mestiere di professione, Foodies è chiunque ami il cibo vero, chi ama mangiare e bere bene, chi ama viaggiare e scoprire i luoghi e la storia anche attraverso il cibo. È un concetto in evoluzione. Prima il foodies si limitava a voler assaggiare cose nuove, oggi è uno stile di vita; non ci si limita a cercare il buon cibo ma si vuole conoscere la storia di chi lo fa”

Proprio per questa ragione, Foodies è una guida-non guida. Niente voti e niente classifiche ma solo tanti spunti per chi ama trattarsi bene. Oltre 40 nuovi itinerari per un totale di 1200 indirizzi, rigorosamente selezionati dai collaboratori sparsi per lo stivale. Inoltre, ogni regione viene introdotta da un testimonial d’eccezione (un giornalista, un attore, un imprenditore, uno sportivo) che svela i suoi luoghi del gusto. Venti personaggi di mondi diversi tra loro ma uniti dall’amore per la propria regione e per i sapori veri.

Unica eccezione per le quaranta “stelline” che la guida assegna ai locali che meglio incarnano lo stile Foodies e per gli otto esercizi premiati come locali dell’anno da una giuria di undici esperti del calibro di Luigi Cremona, Licia Granello e Gioacchino Bonsignore solo per citarne alcuni.

A concludere la conferenza stampa, la premiazione del nuovo progetto formativo di Niko Romito, neo tristellato con il suo Reale di Castel di Sangro. Il nome del suo ambizioso progetto è Spazio ed è stato proprio lui a raccontarcelo:

“l’idea Spazio nasce come progetto formativo; infatti per noi non è un ristorante ma un vero e proprio laboratorio che permette ai ragazzi più meritevoli della nostra scuola di cucina di entrare in questo luogo e di potersi mettere alla prova. I clienti sono rimasti molto soddisfatti perché oltre a mangiare vivevano l’esperienza dei ragazzi, le loro emozioni, le tensioni e anche gli errori, declinati però non in ottica critica bensì costruttiva”


Submit a Comment

UA-40058008-1