Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Cinespresso | December 12, 2019

Scroll to top

Top

One Comment

Now you see me. Da Facebook ai Maghi del Crimine

Now you see me. Da Facebook ai Maghi del Crimine
Francesco Di Brigida

Review Overview

Cast
8
Regia
8
Script
7.5

Rating

È un grande luna park dove i ladri sono affabili ma aggiunge per la prima volta nel genere un felice connubio di high-tech e giochi di prestigio alla Copperfield.

Anno: 2013 Durata: 116’ Distribuzione: Universal Pictures Genere: Heist-movie Nazionalità: Usa Produzione: K/O Palper Products, Kurtzman/Orci Regia: Louis Leterrier

Un cast ricco per Now you see me – I Maghi del Crimine, il nuovo imprevedibile heist-movie in stile Ocean’s Eleven, con in più la spettacolarità dell’illusionismo

Uscirà l’11 luglio l’ultimo film di Louis Lessiter, già regista di Danny the Dog, The Transporter, Scontro di Titani e L’incredibile Hulk. Questa volta però dirige un quartetto di attori nei panni dei Quattro Cavalieri, i migliori illusionisti del mondo, che insieme svaligeranno banche utilizzando magia e trovate coreografiche per donare il malloppo a persone in difficoltà.

A capeggiarli è Jesse Eisenberg, noto da The Social Network nei panni del titolare di Facebook. Questa volta l’attore cambia pelle e diventa Michael Atlas, abile e carismatico prestigiatore che viene convocato da un personaggio misterioso. La stessa convocazione stampata su carte dalla simbologia che richiama le Rune, viene inviata anche a Woody Harrelson nei panni del mentalista poco ortodosso Merritt Osbourne,  Isla Fisher, che interpreta Haley Reeves, un’agile e affascinante escapologista esperta in incredibili fughe da catene e luoghi chiusi, e infine Dave Franco, volto e mani leste del giovanissimo e audace borseggiatore illusionista Jack Wilder.

I Cavalieri, finanziati da un magnate dell’entertainment impersonato da Michael Caine, sono presi di mira da un Morgan Freeman ex-mago professionista, smascheratore di trucchi magici e cacciatore di aspiranti David Copperfield, dal poliziotto senza macchia Mark Ruffalo e dalla sua partner dell’Interpol Melanie Laurant. Ma il misterioso organizzatore dei colpi rimarrà avvolto nella nebbia.

La pellicola è fatta di spettacoli strabilianti sapientemente orchestrati sia in fase di scrittura che di regia. Nulla sarà come sembra, e questo era nei progetti originali della Kurtzman/OrciBobby Cohen, presidente della casa di produzione che ha lavorato alle avventure di questi nuovi eroi ha spiegato: «Anche ai miei soci Alex Kurtzman e Roberto Orci interessa la magia. Cercavamo questo copione da tantissimo tempo. Da un lato, vogliamo essere sorpresi, ma dall’altro vogliamo sapere come hanno fatto. Abbiamo parlato spesso del miglior modo per dare spazio a entrambe queste esperienze in un film».

Ed è coinvolgente proprio l’inseguimento tra i trucchi e le loro spiegazioni. È un ingrediente questo dinamismo nel guardia e ladri che ne viene fuori, da somigliare a un puzzle dove la soluzione arriva sempre in ritardo rispetto alla fuga dei quattro. Così i Cavalieri da Las Vegas svaligeranno una banca a Parigi per donare una pioggia di euro sul pubblico. Ma si esibiranno anche a New Orleans manipolando centinaia di conti bancari dal loro palco e fino ai 5 Pointz di New York, tra graffiti ed effetti di luce strabilianti.

Il tutto segue una sceneggiatura molto fresca, veloce, piena di ironia a delineare ogni singolo character. Rimane ipnotica l’interpretazione di Eisenberg del suo logorroico e geniale Atlas, mentre Harrelson dona al film i momenti più divertenti con la lettura del pensiero dei suoi spettatori inebetiti. E per chi ama i grandi attori d’esperienza ci sarà anche un bel faccia a faccia, inedito fin ora al cinema, tra Caine e Freeman (che danno vita a due ruoli niente male).

I Maghi del Crimine è un grande luna park dove i ladri sono affabili, un po’ come nella saga dedicata ai grandi furti di Steven Soderbergh , ma aggiunge per la prima volta nel genere un felice connubio di high-tech e giochi di prestigio alla Copperfield.

 

Comments

  1. Giangio

    Sono curioso di vederlo più per il gusto di capire come fanno più che di farmi sorprendere..!

Submit a Comment

UA-40058008-1